Braciola con Insalata ai Sapori di Oriente


Buongiorno!

Le giornate trascorrono veloci verso la primavera, oramai manca pochissimo! Qui nel sud Sardegna si alternano giornate meravigliose con un sole da spaccare le pietre, a giornate dove il vento sferza le palme e crea suoni spettrali! Com’era il detto? Marzo pazzerello credo…beh, ora ne capisco appieno il motivo!

Giusto ieri leggevo uno dei tantissimi libri di cucina che mi sono stati regalati l’ultimo compleanno e son capitato sui capitoli della cucina cinese. Vi è un argomento che mi ha particolarmente affascinato che riguarda la maniera profonda di intendere la cucina. Siamo tutti abituati a pensare la cucina come una gioia per i sensi, una maniera di godere il cibo insieme a chi amiamo, soprattutto per chi, come noi che frequentiamo i blogs, la ritiene una piccola fonte di felicità.

La cucina cinese ha alcuni di questi tratti ma è influenzata in maniera molto profonda dalla credenza che vi sia salute, prosperità e progresso, solo tramite lo Yin e lo Yang, grazie alla luce e alle tenebre che si compenetrano. Questo, superficialmente, non ha molto senso in cucina; i popoli dell’oriente invece portano questa spiritualità all’estremo considerando bianco e nero come vita e morte, come calore e freddo, come monti e mare, come sapori dolci ed agri. Questo li porta a considerare buoni per la salute sia fisica che spirituale solo dei piatti che al loro interno, o nella somma dei piatti serviti, possano rappresentare luce ed ombra, caos e quiete.

Come portarvi un esempio…vediamo…

A chi non piacciono gli spaghetti aglio olio e peperoncino? Questo sarebbe un piatto di luce, vivo, esuberante, con colori chiari punteggiati di rosso acceso. Se fossimo una famiglia cinese forse penseremmo di servire un secondo, per rimanere in tema di cucina italiana, che possa bilanciare lo Yin degli spaghetti! Con cosa? Per esempio una scaloppina alla salsa di funghi, morbida, con un sapore grasso per via del burro e del maiale, con i funghi che crescono nel sottobosco, all’oscurità appunto. Trovo questo metodo di cucina come un vero viaggio tra i sapori e le sensazioni che impegna moltissimo il cuoco nella scelta appropriata dei piatti da servire. Credo che sia però altrettanto stimolante questa sensazione di camminare tra due mondi vicini ma diversi.

Ecco quindi che ho provato, a modo mio e sicuramente con enorme inesperienza, a scoprire la tenda che mi mostra un barlume di questa spiritualità! Il piatto di oggi infatti è Una braciola di maiale accompagnata da un’insalata un poco atipica.

Sapori fresci e delicati che si alternano a sapori importanti e decisi...una scuola del gusto!

Ingredienti per la braciola:

  • 1 braciola di maiale
  • 1 noce di burro
  • 2 cucchiai di olio di oliva
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • sale
  • pepe

Ingredienti per l’insalata:

  • mezzo finocchio
  • 40 gr di germogli di soia
  • 1 yogurt naturale
  • 1 cucchiaino di curcuma
  • 1 scatoletta piccola di tonno all’olio di semi
  • sale
  • un cucchiaino di aceto di vino bianco
  • un cucchiaio di olio di oliva

Cominciamo con l’insalata, laviamo e tagliamo a fette sottili il finocchio. Scoliamo dal loro liquido i germogli di soia e li sciacquiamo accuratamente sotto acqua corrente. Mettiamo insieme in un insalatiere. In un recipiente mettiamo insieme mescolando lo yogurt naturale, un cucchiaino di curcuma, il tonno con il suo olio. Diamo una prima mescolata cercando di spezzettare bene il tonno. Uniamo un cucchiaio di olio di oliva, un goccio di aceto di vino ed un pizzico di sale. Mescoliamo per bene e mettiamo la salsa in una ciotolina da servire in tavola.

Ora occupiamoci della braciola. Per prima cosa la teniamo  temperatura ambiente, la farà cuocere meglio. Mettiamo il burro e l’olio in una padella capiente a sciogliere lentamente. Nel mentre tagliamo i bordi grassi della bistecca a raggiera ogni 3 cm circa, la aiuterà a non ripiegarsi su se stessa in cottura (cosa che come vedete dalla foto non ho fatto!). Quando il burro è sciolto alziamo il fuoco e mettiamo le braciole a cuocere. Le lasciamo 5 minuti per lato. Quando giriamo sull’altro lato attendiamo 2 minuti per far dorare anche l’altro lato e poi innaffiamo con il vino bianco e proseguiamo la cottura. Dopo 10 minuti in tutto spegnamo il fuoco e prendiamo una teglia da forno. Vi poggiamo le bistecche e le saliamo abbondantemente. Le irroriamo con il loro succo e le teniamo in forno 10 minuti a 200° funzione grill.

Quando sono pronte le serviamo sul piatto con l’insalata e condiamo quest’ultima con la salsa allo yogurt e tonno!

E’ davvero interessante l’alternanza data dal sapore fresco, arioso e dolcemente piccantino dell’insalata abbinato al sapore deciso, grasso ed importante del maiale.

E’ un metodo che credo si possa applicare in tante maniere ed io ho appena iniziato ad esplorare un mondo a me totalmente sconosciuto!

Buon Appetito!!

One thought on “Braciola con Insalata ai Sapori di Oriente

  1. Marzo pazzerello esce il sole e prendi l’ombrello! 🙂 Bellissimo post, comunque. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...