New York Cheesecake


Buongiorno a tutti!

Finalmente oggi realizzo un mio piccolo desiderio! Da quando ho cominciato a frequentare pubs oramai 15 anni fa e poi quando sono andato in Inghilterra per lavoro, ho sempre adorato alla follia un dolce famosissimo! La conoscete tutti: la Cheesecake!!

Il sapore misto di formaggio, l’acido dei frutti di bosco e il biscotto, mi hanno sempre fatto impazzire. Quando ancora non cucinavo,mi capitava di provare le classiche torte pronte….buone, per carità, ma nulla a che vedere con la ricetta della vera cheesecake!

E poi che succede? Comincio a prendere gusto nel cucinare e rispolvero questo fantastico dolce! Ovviamente, come per tantissime ricette, vengo a scoprire che ce ne sono un’infinità di versioni che si dividono principalmente in crude e cotte! Entrambe fantastiche sono però molto diverse al punto che una di esse è diventata il dolce simbolo di New York! Ed oggi mi affido al sito http://www.joyofbaking.com per ottenere la ricetta super originalissima!! Poichè però io non volevo fare un dolce mastodontico ho dimezzato le dosi che, come in ogni ricetta di pasticceria, devono esser precisissime per poter fare il dolce nella maniera corretta.

Un piccolo appunto a questa preparazione: cominciamo col dire che questa è una torta cotta ma, a differenza delle solite, non ha bisogno di incorporare aria, quindi non usate frullatori per montare ma al massimo affidatevi a spatole manuali, fruste usate gentilmente o, se proprio non ne potete fare a meno, usate il frullatore o la planetaria con le fruste per gli impasti. In tal modo potremo amalgamare gli ingredienti senza includere aria nell’impasto.

Ed ora a noi due Cheesecake!

Semplice, aromatica e infinitamente golosa!

Ingredienti per 8 porzioni:

Per il fondo:

  • 100 gr di biscotti Digestive McVities
  • 25 gr di zucchero di canna (anche il semolato classico va bene)
  • 50 gr di burro

Per il “ripieno”:

  • 500 gr di Philadelphia
  • 100 gr di zucchero semolato
  • 3 uova medie
  • 40 ml di panna fresca
  • mezzo cucchiaino di scorza di limone
  • mezza bacca di vaniglia

Per il topping:

  • 120 ml di panna acida
  • 15 gr di zucchero semolato
  • un quarto di bacca di vaniglia

Cominciamo a lavorare il fondo della cheesecake. Prendiamo i nostri biscotti 3 per volta. Avvolgiamoli in carta forno e pestiamoli con un pesta carne per ridurli in briciole fini. Mettiamo tutto in un recipiente fino a sbriciolare tutti i biscotti. Uniamo lo zucchero e il burro sciolto a bagnomaria (per evitare che cuocia). Mischiamo il tutto con una forchetta fino a che i biscotti assorbono il burro risultando un poco granulosi. Prendiamo una tortiera a cerniera, io l’ho presa da 26 cm, e versiamo al suo interno i biscotti. Li distribuiamo e compattiamo con le mani o un cucchiaio fino a formare un fondo compatto. Inforniamo a 180° per 10 minuti poi togliamo fuori il tutto e lo mettiamo in freezer a freddare.

Ora cominciamo il ripieno. Prendiamo un recipiente grande e ci versiamo la crema di formaggio. La mischiamo con una forchetta per ammorbidirla, meglio che sia tutto a temperatura ambiente per facilitare la lavorazione. Aggiungiamo uno alla volta lo zucchero, le uova una alla volta, la panna, la scorza di limone grattugiata, il ripieno di mezza bacca di vaniglia. La bacca va tagliata con un coltello nel senso della lunghezza e il suo interno va raschiato via, avrete una profumatissima purea che includerete nell’impasto. E’ importante che dopo ogni singolo ingrediente l’impasto venga mischiato bene fino ad amalgama. Una volta fatto questo attendiamo che la base della cheesecake sia ben fredda prima di aggiungere la nostra crema. Quando è fredda la togliamo dal freezer e versiamo al suo interno la crema. Scaldiamo il forno a 180° e, quando è caldo inforniamo la torta. La lasciamo cuocere a 180° per 15 minuti e poi per un’ora a 120°. La torta potrebbe crescere se l’avete sbattuta violentemente durante l’amalgama, in ogni caso si siederà a fine cottura, quindi non preoccupatevi.

Al termine della cottura toglietela dal forno senza estrarla dalla tortiera, dovremo solo farla freddare un pò. Possiamo anche metterla in freezer nel frattempo che prepariamo il nostro topping. In un contenitore mettiamo la panna acida, lo zucchero e metà della bacca di vaniglia rimasta, estratta con lo stesso processo che abbiamo usato prima. Mischiamo il tutto per bene con una spatola e spalmiamo delicatamente sulla cheesecake. Non vi preoccupate se all’inizio è un poco troppo solida la panna, soprattutto se l’avete comprata ed è compatta, il calore della torta appena tolta dal forno la scioglierà pian piano fino a renderla spalmabile. Quando è ben distribuita inforniamo a 180° per 15 minuti o comunque fino a che comincia a dorarsi.

Sforniamo, con un coltello separiamo delicatamente i bordi della cheesecake dalla tortiera ma senza aprirla per nessun motivo e mettiamo in freezer per 3 ore o in frigo per una notte. Questo compatterà la torta ed esalterà i suoi sapori!

La torta ha un sapore fantastico ed è diversa dalla classica che siamo abituati a conoscere con i frutti di bosco. La panna acida con il suo sapore agrodolce è un completamento fantastico! E’ una torta golosissima e semplice da fare, davvero alla portata di tutti!

Se potessi fare delle modifiche alla ricetta, adesso che l’ho fatta, aumenterei del doppio la porzione del topping per farlo un poco più spesso e controllerei l’ammontare di burro nella base perchè non è venuta croccante come avrei voluto. Ma credetemi che son piccolissime cose rispetto alla bontà epica di questo dolce!!!

Se lo provate fatemi sapere!!!! Buon Dessert!!

6 thoughts on “New York Cheesecake

  1. anche per me…quando vado a londra la prima tappa è andare in un pub a farmi una pinta di cydro con una buona cheese cake…e aime…anche se me la faccio riportare dai miei amici quando tornano in italia…mangiarla lì ha davvero un’altro sapore!!!cmq anche io provo a fare dei palliativi…la prossima volta proverò la tua versione…anche se io preferisco quella non cotta!!ti aggiornerò….

  2. Devo dire però che frugando online TUTTE le ricette includono philadelphia (che è abbastanza internazionale) o formaggi morbidi. Quindi una maniera per farla paro paro ci deve essere 😀
    Provala e non ti deluderà ^^

    PS gli amici a cui l’ho portata ieri han detto:”Buona ma manca la croccantezza”. Se da un lato sono d’accordo ho anche pensato….ma da quando in qua la cheesecake ha mai avuto croccantezza?

    • …conferma che il commento, al ritorno, è stato: “mauro ha portato una cheescake STREPITOSA!!!” ;o)))

  3. no no…la cheese cake deve essere burrosa….se ci fai caso..la maggior parte dei dolci tipici angloamericani…sono tutti burrosi e morbidi..la croccantezza la riscopriamo nel panorama culinario franco- tedesco…poi in quello italiano….ai tuoi amici risulta che la cheese cake dev’esser croccante?? o__O

  4. Mia mamma la fa molto diversa.. infatti la Philadelphia sta sopra.. come la crema in una crostata.. però senza strisce… mi spiego? 🙂 E poi non c’è la panna acida.. 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...