Bonet


Qualche settimana fa vi avevo detto di essere andato a Torino, città davvero meravigliosa. Ho anche scoperto che Torino ha una tradizione immensa di pasticceria e, tra tutte le prelibatezze che offre, volevo riprodurre in particolare una di queste.

Il Bonet (si legge Bunét) è un budino della famiglia dei Creme Caramel, aromatizzato in particolare con cioccolato e amaretti. La bontà di questo dolce è davvero incredibile e, come tante preparazioni, nasconde delle insidie mica da ridere! Come tanti budini in Italia è un dolce dei poveri, fatto di ingredienti poco costosi e spesso riciclati. Gli amaretti per esempio si fanno con le mandorle, zucchero ed albumi, dolci davvero economici e comuni nella storia italiana! Quando ne avanzavano o si voleva renderli speciali e diversi dal solito, ecco che questo splendido dessert faceva il suo ingresso.

Un aroma profondo da gustare lentamente come un vino da meditazione.

La preparazione mi ricorda moltissimo il sardissimo Flan di Latte, che ho preparato tempo fa ed ho condiviso in questo stesso blog, solo che è molto aromatizzato! Sono convinto che la parte migliore di questo dessert sia il fatto che, in effetti, non è propriamente dolce. E’ più come un brandy al cucchiaio, di cui ami sentire i singoli aromi che pian piano scopri sulla lingua, i profumi e le consistenze. Tutte racchiuse in un innocuo budino!

Ingredienti per 5 monoporzioni:

  • 100 g di uova intere (circa 2 medie)
  • 50 g di amaretti secchi
  • 25 g di cacao amaro in polvere
  • 250 ml di latte
  • 150 g di zucchero di canna (l’ho preferito perchè dolcifica un pò meno)
  • 15 ml di rhum

Per il caramello:

  • 150 g di zucchero semolato
  • 50g di acqua

Cominciamo preparando il caramello. Prendiamo un pentolino con il fondo spesso e versiamo lo zucchero e l’acqua, non è necessario mescolarli. Facciamo cuocere a fuoco vivo fino a che non si colora. Nel frattempo prepariamo gli stampini monoporzione. Versiamo il caramello nel fondo degli stampini e facciamo brevemente raffreddare. E’ importante fare quest’operazione non appena lo zucchero imbrunisce per due motivi: il primo è che se lo lasciamo freddare nel pentolino continua a cuocere diventando amaro, il secondo è che potrebbe solidificarsi poichè l’acqua evapora in cottura!

Lasciamo da parte gli stampini. Attenzione che diventano bollenti non appena ci versiamo il caramello!

Prendiamo un bicchiere da mixer ad immersione da circa 1 lt. Versiamo in ordine gli amaretti sbriciolati, le uova, il cacao, lo zucchero, il latte ed infine il rhum. Mixiamo con il frullatore ad immersione assicurandoci che non vi sia aria tra le lame prima di accenderlo, basta agitarlo un poco. Una volta che siamo sicuri che non vi sia aria frulliamo il tutto fino ad ottenere un composto uniforme e privo di schiuma. Questo è importantissimo poichè, in cottura, la schiuma sale sopra portando con sè la polvere di amaretti ed imprigionandola in una spiacevole schiuma che cresce sopra il bonet. Se invece noi mescoliamo il tutto senza fare schiuma, il bonet uscirà perfettamente liscio!

Quando il composto è uniforme versiamo il tutto nelle monoporzioni fino al bordo dello stampino. Prendiamo una teglia da lasagne e la riempiamo di acqua per circa metà altezza degli stampini. Piazziamo gli stampini dentro la teglia, l’acqua deve essere al massimo a 2/3 dell’altezza degli stampini, per evitare che possa entrarvi dentro in cottura!

Facciamo cuocere in forno preriscaldato a 160° per 30 minuti. A cottura ultimata apriamo il forno e lasciamo raffreddare la teglia (dentro o fuori dal forno) con i “mono” bonet per 2 ore.

Per sformarli passiamo un coltello nei bordi con attenzione e rovesciamo con cura su un piatto. Se abbiamo usato gli stampini monouso in alluminio possiamo fare un foro al centro del fondo per agevolare la sformatura.

Condiamo con scagliette di cioccolato fondente ed un amaretto intero in cima. A chi piace anche qualche scorzetta di arancio per dare profumo al piatto!

Il sapore è intenso e profondo, pur rimanendo della consistenza di un budino. Lo adoro!

Una delle ricette originali ha una variante che secondo me è golosissima: prima di unire il latte e gli amaretti li scalda insieme, facendo inzuppare i biscotti che si sfaldano. Quando poi si uniscono al resto del composto già ben mischiato, rimangono a pezzi lasciando una parte del bonet, dopo la cottura, con i pezzi soffici di amaretto! Fantastico!

Buon Appetito!

QUANTO MI COSTA? In effetti il costo è piuttosto basso. Gli amaretti li ho presi in un discount a due soldi, le uova ed il latte costano poco, per non parlare di poco cacao e lo zucchero. Faccio fatica davvero a dare una stima ma, considerando tutto direi circa € 0.26 a porzione. Davvero poco per un dolce tanto sublime!

English CHOCOLATE AND ALMONDS FLAVOURED CREME CARAMEL

12 thoughts on “Bonet

  1. Ho l’acquolina in bocca!! Non l’ho mai fatto ne mangiato….
    Magari prima di farlo potrei andare dalla cugina a Torino ad assaggiare l’originale….

  2. Pingback: Chocolate and Almonds Flavoured Creme Caramel « Marito alla Parmigiana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...