Masterchef Italia, Invention Test: Il Rognone con la Spesa di mia Moglie!


Ve lo avevo anticipato ieri ed ora siamo qui!

Masterchef ha sfidato i concorrenti con un piatto che ha come ingrediente principale il Rognone, il rene di vitello o manzo, e li ha ulteriormente sfidati scambiando i loro cestini della spesa!

Ho voluto cucinare questo ingrediente davvero speciale ma non avrei mai potuto simulare da solo lo scambio di “carrello della spesa”, così ho chiesto a mia moglie di farmi la spesa!

Mai l’avessi fatto: sul suo viso è apparsa un’espressione diabolica che non aspettava altro che poter mettermi in crisi! E cavolo se lo ha fatto! Mentre io sono andato a comprare il rognone dal mio macellaio di fiducia, la dolce metà (mica così tanto dolce però) mi ha comprato gli ingredienti con cui avrei dovuto preparare la ricetta!

E sapete cosa mi ha preso quella disgraziata? Una bottiglia di chinotto, dello sciroppo di acero e del riso basmati. BASTA! E che #@#@]% ci faccio con quegli ingredienti? Fortunatamente mi sono venuti in aiuto gli ingredienti base che a Masterchef i concorrenti possono usare in tutte le ricette, e me la sono cavata per il rotto della cuffia! Inoltre il tempo era risicatissimo e non ho potuto fare meglio di così!

Devo dire che questa prova ha fatto crescere la stima che già avevo nei rispetti dei concorrenti di Masterchef, il tempo è davvero tiranno per fare le cose come si deve! Ma veniamo alla ricetta che ho messo insieme!

Non so se ho fatto giustizia al rognone, di sicuro ho dato il massimo!

Non so se ho fatto giustizia al rognone, di sicuro ho dato il massimo!

Ingredienti per 6 persone:

  • 2 rognoni
  • 240 g riso Basmati (per me Riso Gallo)
  • 400 ml di bibita chinotto (per me Chinò)
  • sale quanto basta per il rognone
  • olio extravergine di oliva
  • 1/2 cucchiaino di sale per il riso
  • 2 cucchiaini di sciroppo d’acero
  • 2 cucchiai di aceto di vino

Per prima cosa prepariamo il riso: lo mettiamo in un colino a maglie fini e lo passiamo sotto acqua corrente mentre lo mescoliamo con le dita per privarlo dell’amido esterno. Lo mettiamo in una casseruola antiaderente, riempiamo con 360 g di acqua e copriamo con un coperchio. Facciamo cuocere per 15 minuti a fuoco alto fino a che l’acqua bolle e poi a fuoco basso fino al termine della cottura.

Rognone al Chinotto 3Rognone al Chinotto 4

Mentre il riso cuoce prepariamo il rognone. E’ fatto un pò come un broccolo: i bulbi esterni sono la parte buona mentre la parte bianca, simile al gambo del broccolo, è immangiabile e, se non pulito bene, influenza il sapore del rognone. Bisogna quindi fare molta attenzione e pulirlo con un coltello a lama liscia ben affilato! Io ho usato un coltello per sfilettare, che affilo costantemente. Non preoccupiamoci se sprechiamo un poco di rognone nella sua pulizia, se non lo abbiamo ben pulito a fine cottura lo dovremmo buttare! Una volta pulito lo mettiamo in un contenitore e lo copriamo con il chinotto per marinarlo. Aiuterà anche ad attenuare il sapore forte caratteristico di questo ingrediente. Lo teniamo così per 10 minuti.

Rognone al Chinotto 5Rognone al Chinotto 6

Prima che il riso cuocia prendiamo un piccolo pentolino e vi mettiamo l’aceto di vino, mezzo cucchiaino di sale e lo sciroppo d’acero. Scaldiamo ed emulsioniamo bene mescolando con un cucchiaino. Il riso dovrebbe essere pronto. L’acqua è stata assorbita dal riso ed il risciacquo che gli abbiam dato all’inizio della preparazione lo ha reso appiccicoso. Versiamo il tutto in un contenitore in plastica, vetro o legno. Vi versiamo sopra metà della salsina agrodolce che abbiam preparato e mescoliamo bene. Assaggiamo il riso ed aggiungiamo salsa se lo preferiamo più saporito. Il calore del riso farà evaporare una parte della salsa rendendo il sapore trasmesso un poco più morbido. Copriamo il riso per non farlo seccare e cominciamo a preparare il rognone.

Rognone al Chinotto 8Rognone al Chinotto 9Rognone al Chinotto 10

Prendiamo una padella ampia e vi scaldiamo dell’olio extravergine di oliva. Scoliamo il rognone dal chinotto e lo asciughiamo con della carta da cucina. Lo mettiamo nella padella con l’olio bollente e lo saliamo abbondantemente: ogni singolo pezzo deve essere ben salato poichè il sale contrasta l’amaro tipico del rognone. Saltiamo in padella per 4 minuti a fuoco vivace. Spegniamo il fornello e asciughiamo il rognone su carta da cucina. Lo mettiamo in un tagliere e lo tagliamo a fettine. I pezzi che all’interno sono ancora rossi li facciamo saltare un altro minuto in olio caldo.

Rognone al Chinotto 7

Ora montiamo il piatto! Ci bagniamo le mani e prendiamo il riso con le mani, formandolo come una semisfera. Se non ci fidiamo della nostra manualità possiamo anche bagnare una tazzina o una formina, la foderiamo con della pellicola e riempiamo di riso premendo bene. In questa maniera possiamo sformarlo mantenendolo in forma. Mettiamo il riso nel piatto e vi poniamo accanto le fettine di rognone. Condiamo con olio extravergine di oliva e pepe nero macinato fresco!

Il sapore agrodolce del riso, preparato come il riso per sushi, con la sua morbidezza contrasta in maniera interessante la croccantezza e forza del rognone. Sono davvero soddisfatto per un piatto che sembrava essere senza speranze! Con un poco di tempo in più avrei potuto curare l’estetica, ci devo lavorare moltissimo.

La moglie ha detto che era buono ed ha fatto il bis del rognone! Però quando le ho chiesto un voto mi ha dato un misero 6. Forse me la sarei cavata in questa prova di Masterchef solo per gli ingredienti oltraggiosamente ristretti!

Detto questo posso davvero consigliarvi il rognone come piatto atipico e stupefacente! Molto meglio di quanto mi aspettassi!

Buona giornata a tutti e non dimenticatevi che domani seguiremo tutti insieme Masterchef nella Blogcronaca minuto per minuto! A domani!

7 thoughts on “Masterchef Italia, Invention Test: Il Rognone con la Spesa di mia Moglie!

  1. 😯
    cioè…
    con il chinotto, riso e sciroppo d’acero hai fatto un piatto??? 😯 😯 😯
    complimenti! 🙂
    alla fine la moglie ha saputo farti tirar fuori il meglio! (da ringraziare in un certo senso!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...