Al Contadino non far SapeLe…


…quant’è buono il GoLgonzola con le Mele!

…lo so che è pessima ma se non la dicevo così non faceva rima!!

C’è una cosa bellissima del cucinare: di punto in bianco cominciano a frullare per la testa idee su come impostare un piatto e lo porti con te fino a quando tutto quadra nella tua mente e provi a realizzarlo! Oggi, seppur in piccolissima scala, è andata proprio così! Avevamo un pò di Gorgonzola-Mascarpone in frigo da terminare e volevo farne un piatto un pò diverso dal solito. Tempo fa avevo cucinato una pasta gorgonzola e mele e mi era piaciuta moltissimo. Era però un piatto che ricordava un pò i “mappazzoni” di Bruno Barbieri, giudice di Masterchef, poichè aveva l’aspetto del più classico dei piatti di pasta da casa: una montagna di roba al centro di un piatto!

Per carità, era davvero buonissima, stavolta però volevo provare a dare quel tocco del cuoco che differenzia i piatti classici dai piatti di ristorante: un aspetto che possa enfatizzare la bontà intrinseca del piatto! Se infatti è vero che un buon piatto non necessariamente deve essere bello e che un cattivo piatto non è necessariamente brutto, è anche vero che un piatto ben presentato è un ottimo biglietto da visita per i sapori che presto avrete sulle papille!

Vi è mai capitato di vedere arrivare il piatto e rimanere estasiati di fronte alla perfetta cottura di una bistecca? Oppure una pizza ben condita che vi assale con i profumi tipici del forno a legna? Mangiare è un esperienza che coinvolge tutti i sensi! La vista che saggia i colori e l’aspetto del piatto, l’olfatto che ne pregusta gli aromi, il tatto in bocca con tutte le consistenze e perfino l’udito quando magari apprezziamo la croccantezza! Tutti i piccoli passi che compongono il piatto contribuiscono a renderlo unico e davvero buono!

La sfida di oggi è proprio questo: sommare le mie piccole conoscenze per tentare di elevare un risotto un poco atipico verso un piatto che sarebbe servito in un ristorante! Benchè io sia decisamente severo con me stesso posso assicurarvi che i commensali han più che gradito, soprattutto per i profumi e lo sposalizio tra mele e formaggio!

Volete provare a cucinare con me?

Risotto al Gorgonzola con Mele al Brandy

Ingredienti per 5 persone:

  • 250 g di riso vialone nano (ho provato oggi ad usarlo al posto del Carnaroli ed è buonissimo)
  • 750 ml brodo vegetale
  • 250 ml brodo di carne
  • 150 g gorgonzola-mascarpone (più dolce e grasso del gorgonzola tradizionale)
  • olio extravergine di oliva (più è buono meglio è)
  • 1 cipolla bianca media
  • 1 carota piccola
  • 200 ml vino rosato (un gradito regalo di un caro amico, ma anche il bianco va benissimo)
  • 2 mele Fuji
  • 25 g burro
  • 2 cucchiai di zucchero semolato
  • 100 m di brandy
  • 1 cucchiaio di amido di riso
  • pepe nero macinato fresco
  • foglie di menta fresca
  • un pizzico di granella di pistacchio

Come per i piatti da ristorante la prima sfida è preparare tutto in maniera che arrivi in tavola ben caldo e nello stesso momento!

Risotto al Gorgonzola con Mele al Brandy 2 Risotto al Gorgonzola con Mele al Brandy 3

Prepariamo gli ingredienti di base. Peliamo e tritiamo carota e cipolla finemente. Ogni piccolo pezzo deve essere più piccolo del chicco di riso. Facciamo soffriggere per circa 15 minuti in olio di oliva, aggiungiamo anche un velo di acqua per ammorbidire le verdure e prevenire le bruciature. Se vogliamo fare le cose per bene dobbiamo farle cuocere a fuoco bassissimo per circa 20 minuti fino a renderle morbide. Quando son soffici ma ancora non brunite possiamo aggiungere il riso, mi raccomando la pentola deve essere praticamente priva di liquidi in cottura. Lo facciamo tostare per 2 minuti a fuoco vivace facendo saltare il riso ogni 20 secondi circa in maniera da farlo tostare uniformemente e prevenire la bruciatura delle verdure. Aggiungiamo il vino che deve sfrigolare immediatamente a contatto con la superficie bollente della casseruola! Facciamo evaporare mescolando sempre a fuoco vivace.

Quando il vino è evaporato aggiungiamo il brodo. I due brodi possono essere preparati anche con il dado aggiungendo il quantitativo di dado di carne e verdure in corrispondenza alle quantità: solitamente un dado corrisponde a 500 ml di brodo.

L’aggiunta deve essere costante e non deve mai immergere il riso completamente. Il riso vialone nano cuoce tra i 15 ed i 20 minuti. Diciamo 15 considerando la tostatura che abbiamo già fatto!

Risotto al Gorgonzola con Mele al Brandy 4 Risotto al Gorgonzola con Mele al Brandy 5

Ora è il momento di preparare le mele. Prendiamo una padella capiente e vi aggiungiamo il burro. Sbucciamo e tagliamo velocemente le mele a tocchetti. Non appena le abbiamo finite di tagliare le versiamo nella padella a fuoco alto. Aggiungiamo 50 ml di acqua e lo zucchero semolato. Facciamo cuocere per circa 5 minuti in maniera che le mele cuociano ma rimangano lievemente croccanti. Quando l’acqua è praticamente evaporata versiamo il brandy. Il calore alto della padella lo farà incendiare, non preoccupiamoci, è necessario per privare il composto dell’alcool. Se la padella non è ben calda il liquore non fiammeggerà e il sapore non sarà piacevole. Se abbiamo paura di mettere fuoco alla cucina possiamo togliere la padella dai fornelli e lasciare morire la fiamma da sola per poi rimettere in cottura. Quando la fiamma si sta estinguendo prepariamo l’amido di riso e lo mescoliamo con un poco di acqua tiepida. Facciamo sciogliere ed aggiungiamo alle mele con altri 50 ml di acqua. Mescoliamo per bene in maniera che si formi una salsa densa e lucente. Spegniamo ed attendiamo che il riso termini la cottura.

Quando il riso ha terminato di cuocere aggiungiamo il gorgonzola a pezzetti e lo usiamo per mantecare mescolando fino a totale scioglimento!

Facciamo riposare il riso per 5 minuti e poi lo serviamo su un piatto piano. Gli versiamo accanto un poco di mele al brandy, condiamo il riso con delle foglie di menta fresca spezzettate grossolanamente mentre aggiungiamo un pizzico di pistacchi in granella alle mele. Terminiamo con una leggerissima grattata di pepe nero!

Vi posso assicurare che il sapore è meraviglioso e le mele si sposano alla grande con il formaggio! L’acidulo delle Fuji è perfetto per contrastare il grasso del formaggio! Io poi ho adorato anche l’aroma della menta fresca! Che differenza da quella essiccata!

Provatelo e ditemi che ne pensate!

Buon Appetito!

QUANTO MI COSTA? Da un piatto simile si ricavano anche più porzioni di quelle che ho scritto perchè sicuramente pochi amano mangiare una porzione mini come nella foto! Per le dosi che ho scritto su posso stimare un costo di € 0.80 per persona! Mica male no?

9 thoughts on “Al Contadino non far SapeLe…

  1. Veramente buonissimo, un accostamento azzeccato e la consistenza della mela era perfetta. Anche io mi prenoto per il bis 🙂

  2. Wow, che bontà!!! Adoro l’accostamento mele-gorgonzola! Mai provato su una pizza bianca? Magari con l’aggiunta di qualche noce tritata per dare croccantezza? Guarda, è deliziosa…anzi, mi sa che a breve ci scappa!!! 😉 che golosona che sono!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...