Tronchetto di Natale


A volte si dice “meglio tardi che mai”!

Beh stavolta è toccata a me! Ricettina dedicata alla mamma Irene che mi ha chiesto di preparare insieme a lei un classico del Natale: il Tronchetto di Natale!

Lo so che siamo a gennaio inoltrato, ma servono delle scuse per mangiare un buon dolce? Quindi, armato di ingredienti e planetaria sono andato a casa sua e ho preparato questa meraviglia! 

Tronchetto di Natale

Ingredienti per un tronchetto da 12 porzioni:

  • 6 uova medie
  • 130 g farina
  • 140 g zucchero
  • 480 ml panna
  • 500 g cioccolato fondente al 50%
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo
  • 180 g circa di confettura di albicocche

Ho usato la ricetta di Giallo Zafferano ma come al solito non ci sono i grammi delle uova…diciamo che mi è uscita anche se sa troppissimo di uovo per i miei gusti. Non temiamo però: il cioccolato e la marmellata rendono questo piccolo difetto assolutamente indistinguibile!

La ricetta è molto semplice ma consiglio di usare alcuni piccoli accorgimenti.

Per prima cosa un frullatore è necessario, una planetaria è anche meglio! Serve anche una spatola a gomito ed una teglia da forno ricoperta accuratamente di carta forno. La ricetta può essere anche fatta con strumenti di fortuna ma c’è sempre il rischio di non fare un lavoro ben fatto.

Primissima cosa: preriscaldiamo il forno a 180° se ventilato, altrimenti a 190°. Se abbiamo un forno a gas abbassiamo di ulteriori 10°!

Ora veniamo alle uova. Le teniamo a temperatura ambiente perchè montano meglio da tiepide piuttosto che da fredde. Le rompiamo e mettiamo in planetaria e diamo una prima frullata per creare un composto omogeneo. Aggiungiamo tutto lo zucchero semolato e lasciamo a montare alla massima velocità per circa 10 minuti. Se abbiamo un frullatore è possibile che ci vogliano 20 minuti circa. Il composto diventerà super spumoso e bianco, quadruplicando il suo volume! Possiamo smettere di montare quando il composto è ben cremoso e gonfio!

Setacciamo la farina, possiamo aggiungerla anche tutta insieme, e la incorporiamo al composto montato con un movimento dal basso verso l’alto, in maniera da non smontare le uova. Versiamo nella teglia con la carta forno e, con l’aiuto della spatola a gomito, versiamo tutto il composto e lo pareggiamo. Deve essere spesso circa 3 centimetri! Spatoliamolo con tranquillità ma non stressiamolo troppo. E’ vero che non deve crescere come un pan di spagna, ma se lo stressiamo troppo poi diventa compatto. Siamo pronti per infornare quello che in pasticceria si chiama bisquit!

Mettiamo in forno circa 15 minuti. Se il forno è a gas, quindi con la fonte di calore in basso, è un buon trucco mettere una pentola tra la fiamma e la teglia per il bisquit, così non brucia il fondo!

Mentre cuoce il bisquit mettiamo a scaldare la panna con lo zucchero a velo. Quando è calda, spegniamo e aggiungiamo il cioccolato fondente tagliato a pezzetti e mescoliamo bene per sciogliere. Quando tutto è sciolto trasferiamo in un contenitore, possibilmente in vetro, e mettiamo in frigo a raffreddare per circa mezz’ora.

Puliamo la planetaria e la prepariamo per più tardi. Ora il bisquit dovrebbe essere pronto. Lo togliamo dal forno e dalla teglia con tutta la carta forno. Copriamo la parte superiore con della pellicola per impedire al biscotto di perdere umidità ed elasticità ed attendiamo che si freddi. Quando è a temperatura ambiente togliamo la pellicola e stendiamo un velo di marmellata sul biscotto, stendendolo con la spatola a gomito.

Quando finalmente la ganache, il composto di panna e cioccolato, è ben fresco, lo mettiamo in planetaria e lo facciamo montare fino a renderlo una crema spumosa. Ne versiamo qualche cucchiaio sul biscotto e spatoliamo per renderlo uniforme. Ora, con estrema delicatezza, arrotoliamo il biscotto su se stesso, non è facile e bisogna esser pazienti. Prima di arrotolarlo è bene procurarsi anche il piatto che useremo per servirlo!

Arrotoliamo per bene e per intero. Ora possiamo decidere se lasciarlo intero, come ho fatto io, o tagliarlo in pezzi più piccoli. Mettiamolo nel piatto di servizio e poi cominciamo a decorarlo. Copriamo con la spatola le due estremità usando la ganache. Ora mettiamo la ganache nella sac a poche con una bocchetta zigrinata e foderiamo il tronchetto. Se non abbiamo sac a poche possiamo usare la spatola e poi una forchetta per “simulare” le venature del tronchetto!

Chi vuole può aggiungere sopra delle palline di zucchero argentato che fan molto Natale!

Cos’altro dire se non…

Buon Appetito!

QUANTO MI COSTA? Non è costosissimo, tutto dipende dal costo del cioccolato. In linea di massima parliamo di circa € 0.60 per porzione! Poco per un gusto così buono!

5 thoughts on “Tronchetto di Natale

  1. Hai spiegato bene le fasi della preparazione. Un tronchetto al cioccolato, se fatto bene, io non lo rifiuto mai.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...